Una giornata nel deserto omanita!

Deserto Rub Al Khali
Shares

E’ gennaio, fa veramente molto freddo, il tipico colore del cielo è grigio, abbiamo perso il conto dei maglioni che abbiamo indossato e trovare un valido motivo per alzarsi ogni mattina risulta quasi impossibile…

…sì, siamo messi tutti così, dobbiamo essere onesti!

Oggi però cerchiamo di scaldarci un pochino, vi parlo di una splendida giornata nel deserto omanita.

Un volo dall’Italia diretto a Salalah, cittadina capoluogo del Dhofar, una della regioni dello splendido Oman, ci catapulta direttamente in mondo nuovo, fatto di tradizione, di voglia di innovazione ma soprattutto fatto di natura. Una natura arida nella stagione invernale, che lascia spazio a verdi colline d’estate dove le piogge trasformano tutto il panorama. Una natura che ci offre lunghissime spiagge di sabbia bianca e un mare abbastanza caldo con i delfini che la mattina ci vengono a salutare. Una natura che ci permette in poche ore di raggiungere il deserto di Rub al Khali,  ascoltarne il silenzio e percepirne la magia.

Partiamo di buon mattino sulla nostra 4×4 bianca con a bordo un ragazzo (bellissimo!) locale, sarà lui l’autista in questa giornata. In Oman ogni escursione deve essere svolta con la presenza di un omanita; questo per avere un controllo su quello che la guida racconta ai turisti e per far guadagnare le persone del posto anche se la maggior parte non ne ha proprio bisogno, sono già molto ricchi dalla nascita, ma questa cosa aiuta a far rimanere la ricchezza nel proprio Paese. Dopo circa due ore di viaggio il paesaggio inizia a cambiare, le case si fanno sempre più rade e le montagne spariscono lasciando spazio alla sabbia…tanta, tantissima sabbia dorata!

Facciamo un pit stop in un “bar” tipico prima di addentrarci nel deserto vero e proprio per recuperare acqua, qualche snack e per sgonfiare le gomme: il “Dune bashing” ci aspetta! Il sole picchia forte e il caldo è davvero impegnativo ma una leggera brezza rende il tutto più sopportabile, a parte aver mangiato tanta sabbia da essere sazia per 3 giorni!!

Bar omanita
Bar omanita

Il primo tratto lo percorriamo su una strada dritta, e voi penserete che sia tutto tranquillo, invece no!!   Strada dritta ma il nostro bellissimo autista viaggia ai 130 km/h sulla sabbia, non asfalto con sopra la sabbia, proprio solo e soltanto sabbia!! Vedi la macchina davanti che praticamente slitta a destra e sinistra e capisci di essere nella stessa situazione ma l’autista continua a ridere e a dirci “no problem” e quindi ci fidiamo!! Dopo circa mezz’ora iniziano ad intravedere le dune, sempre più alte e sempre più dorate! Ci fermiamo a metà di una e continuiamo a piedi, una piccola salita e gli occhi si riempiono di colori, di spazi infiniti e di magia. L’escursione prosegue fra le dune di uno dei più affascinanti deserti del mondo e credetemi che la cosa più strana ma allo stesso tempo bellissima è stata davvero ASCOLTARE IL SILENZIO!

Non avevo mai provato una sensazione di questo tipo, mi sono seduta dieci minuti in cima ad una duna e ho semplicemente ascoltato quello che la natura aveva da dirmi…e sì, ho mangiato altrettanta sabbia, ma ne è valsa veramente la pena!!

saluti dal deserto omanita
Shares