Santorini: 5 cose da fare per rendere il viaggio davvero speciale!

santorini-416146_960_720
Shares

Santorini è un’isola meravigliosa e su questo non ci piove. Non fate però l’errore di andarci in altissima stagione, potreste rimanere delusi – e più che altro incastrati nella fiumana di turisti che la popola durante i mesi caldissimi.

La Perla dell’Egeo va visitata quando è possibile entrare realmente in contatto con il suo arioso spirito bianco e blu. E ci sono ben 5 attività che qui fanno davvero la differenza!

1 – Perdersi a Oia

greece (9)

In un dedalo di viuzze dal bianco abbacinante, sarà divertente scoprire minuscoli spazi lussuosi e piccole taverne invitanti. Ma Oia da il suo meglio di notte, quando si accende di luci. E se si guarda bene, da qui è possibile individuare il faro sul versante meridionale dell’isola a mezzaluna!

2 – Su e giù per l’antica mulattiera

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Non si va a Santorini senza raggiungere il porto di Thira a dorso di mulo! Sarà turistico, è vero, ma è un’esperienza che racconterete negli anni. Sia che vi rifacciate le unghie dei piedi sui muretti dell’antica mulattiera a strapiombo sul mare, sia che siate tanto intrepidi da reggervi con una mano sola, non potete certo mancare.

3 – Orizzonti marziani

greece (7)

Da un’isola vulcanica cosa ci si aspetta? Sabbia nera, certo, ma anche terra rossa a perdita d’occhio. E’ quello che si vede grazie a un giro in barca nella caldera del vulcano che, tremila anni fa circa, spaccò letteralmente in due Santorini, facendone sprofondare una intera metà e conferendole quella tipica forma a falce di luna che ha oggi.

4 – Vedute di atterraggi dall’antica Fira

SAMSUNG CAMERA PICTURESPer me scarpinare ha un prezzo, ed è quello che l’isola paga se si raggiunge l’altopiano in cui sorgeva l’Antica Thira, poco lontano da Kamari: una veduta mozzafiato sulle casette cicladiche bianchissime e sulla ristrettissima pista d’atterraggio. Vedere gli aerei raggiungere la terraferma senza ammarare è uno spettacolo davvero insolito!

5 – Aperitivo al tramonto

greece (4)

Una giornata non può dirsi ben conclusa senza un buon bicchiere di vino. Ed è quello che si deve obbligatoriamente prendere sulle colline di Pygros. Una degustazione di 12 calici di vino locale (tranquilli, non li ho bevuti tutti io!) è quello che ci vuole per accompagnare uno spettacolo unico e ineguagliabile: il tramonto più bello del Mediterraneo!

greece (6)

Cin cin!

 

Shares
Laura Maisano

Laura Maisano

Spericolata viaggiatrice, prima che agente di viaggio. Maggiolina, occhi blu. Capricciosa, amante del vino, creativa ed entusiasta di tutto. Per lei se un viaggio non è un'avventura, allora non vale la pena partire. laura.maisano@myboardingpass.it