Lampedusa: terra di colori, sapori e profumi

ISOLA DEI CONIGLI - panoramica dall'alto
Shares

Poco prima di partire per le mie vacanze di mare, l’anno scorso, appena dicevo LAMPEDUSA, chi mi ascoltava era subito pronto con la “frase magica” del momento:
“Ma con tutti gli sbarchi???? Non avevi un posto migliore in cui andare? E poi… è così vicina alla Tunisia!!! Io non mi fiderei…”

Iter standard della mia faccia: sbuffo, occhi al cielo infastiditi e sorriso gelido, come se non avessi sentito…

La 3^ spiaggia più bella al mondo ce l’abbiamo in Italia, LA SPIAGGIA DELL’ISOLA DEI CONIGLI, e vuoi che proprio io non vada a vederla?
Perchè siamo ancora così legati a questi cliché dovuti a mala-informazione? Perchè prima di parlare per sentito dire non chiediamo a chi c’è stato, o ci informiamo meglio?
Vabbè, spirito “polemico” a parte… se scegliete LAMPEDUSA come meta delle vostre vacanze, vi assicuro che avete fatto la scelta giusta!!!

A breve distanza aerea dal nostro amato “stivale”, ci si arriva per lo più con volo diretto.

lampedusa
dammuso

Il mio consiglio è di pernottare in hotel o dammusi con trattamento di sola colazione, per vivere l’isola anche a livello culinario.
Ovviamente sarebbe meglio noleggiare uno scooter, o un’auto; numerosissime nell’isola le “vecchie” CITROEN MEHARI, che mi ricordano un pò gli anni 60, stile hippie – figli dei fiori… correndo capelli al vento sulle strade sterrate del posto!

Tornando a noi, se decidete di girare Lampedusa lungo il suo litorale di circa 26km, vi avviso già che la parte nord, alta e scoscesa, maestosa con le sue falesie a picco sul mare e i faraglioni che si stagliano sulle acque limpide, si raggiunge solo via mare.
Lungo questo tratto si aprono tantissime calette che spesso ospitano bellissime grotte.
Quindi potete arrivare al porto e prenotare un’escursione di una giornata (pranzo incluso) in barca, o per i più “avventurieri” noleggiare una barca a motore per girare comodamente in autonomia.

La parte sud dell’isola invece lascia piacevolmente incantati per i colori delle sue coste, con le spiagge di sabbia bianca.
Alcune di queste sono patrimonio nazionale, come la famossisima spiaggia dell’Isola dei Conigli, dove – se si è fortunati – si possono vedere le tartarughe marine “caretta caretta” mentre depongono le uova.

Tra le più belle spiagge vi nomino Cala pulcino, Cala Francese, Cala Pisana, La Tabaccara, Cala Maluk, Cala Croce e Cala Madonna.
Se volete avere a disposizione servizi, negozi, ristoranti e hotel, la più indicata è decisamente Cala Guitgia, vicino al porto, praticamente in paese, forse una delle spiagge più attrezzate dell’isola.

“Last but not least”, ecco a voi una delle più belle spiagge al Mondo!!!
– La Spiaggia dell’Isola dei Conigli, è una riserva naturale che si raggiunge a piedi dopo 15-20 minuti di cammino su sterrato… non prendete paura: se ce l’ho fatta io al 7° mese di gravidanza, lo può fare chiunque!!!
L’isola dei Conigli è esattamente l’isolotto di fronte alla spiaggia; i più anziani dicono che ogni 60-70 anni l’isolotto si unisce alla terraferma. L’ultima volta è stata nel maggio 2001.

ISOLA DEI CONIGLI - panoramica dall'alto
ISOLA DEI CONIGLI ph.credits: viaggieracconti.it

Ma come mai è stata chiamata ISOLA DEI CONIGLI?
La leggenda vuole che andando a ritroso nel tempo di chissà di quanti anni, una colonia di conigli raggiunse l’Isolotto.
Poi quel “ponte” di sabbia che lo collegava a Lampedusa venne spazzato lentamente dal mare ed i conigli rimasti intrappolati si riprodussero, come è tipico della loro specie, a ritmo così elevato che fu quasi naturale dare il nome dei roditori a quell’isolotto. Ma ora, in quello scoglio, conigli non ce ne sono più.
Si sentono solamente i gabbiani closcare (ho scoperto anch’io qual è il nome del loro verso scrivendo questo articolo!!!) e l’infrangersi delle onde sulle scogliere dell’isolotto.

Per quanto riguarda la “movida” di Lampedusa, aspettatevi meravigliosi aperitivi al tramonto... se però siete in cerca di discoteche, dinner-disco o vita notturna, non è proprio la destinazione per voi!

Qui si vive prevalentemente il mare, le passeggiate serali nel centro storico e la buona cucina!

Un doveroso complimento lo voglio fare al Comune di Lampedusa, che per stare al passo coi tempi, ha creato la APP  “LAMPEDUSA” per gli smartphone, proprio per permettere a tutti i visitatori di avere informazioni e indicazioni aggiornate delle maggiori attrattive.
Una guida turistica interattiva, uno strumento che ho valutato utilissimo al fine della vacanza; infatti segnala addirittura giorno per giorno la forza e la direzione dello Scirocco, in modo da consigliare di conseguenza quali sono le spiagge più indicate in cui rilassarsi.

Riepilogando, volete 5 buoni motivi per visitare Lampedusa?

1) il mare, i suoi colori, il suono delle onde sul mare… e non serve spiegare oltre…
2) la flora e la fauna,
3) i fondali: se fate snorkelling o diving questa è una meta ideale per gli amanti della vita subacquea.
4) la cucina, i sapori del mediterraneo, il pesce fresco tutti i giorni.
5) l’accoglienza: c’è poco da fare, il sud è il sud. La convivialità, la gentilezza, l’ospitalità degli abitanti del luogo la fanno da padrona.
E’ un pò come sentirsi sempre a casa!!!

 

E oggi invece vi saluto con una poesia di Cesare Righi, dedicata a Lampedusa:

Dove vivono le nostre fantasie
Vi è un’isola solitaria,
in un solitario azzurro mare.

La’ con i ricordi non si può atterrare.

Io/noi vi siamo stati,
noi e un pescatore.
Silenzioso,
come il mare era silenzioso in quel giorno.
Occhi azzurri,
come il mare era azzurro in quel giorno.
Quanto è facile amarla quell’invisibile isola,
non vi è nulla e sembra il Paradiso:
ma forse il Paradiso è permeato di quel nulla!?
Bianche nuvole leggere la sorvolano,
come silenziosi Angeli Bianchi,
s’inerpicano temerarie verso nord.
Ripide scogliere raccolgono i respiri delle onde
ed il nostro se ne vola
sospinto da magiche correnti.
Non vi è l’eternità su quell’invisibile isola,
solo attimi la vivono,
attimi che ti porterai nel cuore
nella tua d’eternità,
così lei sarà per sempre.

Alla prossima!

photo credit cover image: viaggieracconti.it

Shares
Marika Brusco

Marika Brusco

Agente di viaggio da 11 anni. Ama la musica, la lettura, la fotografia e tutto ciò che caratterizza la curiosità.  Curosità quale elemento essenziale per l'animo di un viaggiatore.  Nei viaggi è un ossimoro vivente: ama il caldo e il freddo, la montagna e il mare, il b&b e il resort di lusso, il tour guidato e il fly&drive... insomma, l'importante è avere la valigia sempre pronta, vuota, da riempire di emozioni!! marika.brusco@myboardingpass.it

Lascia un commento