Korean food: saranghae!

Il kimchi si può gustare anche sottoforma di... pizza!
Shares

Va bene, lo ammetto, ho un debole per l’Oriente. Ma che ci volete fare, è questione di stomaco… in tutti i sensi! Quando viaggio amo assaggiare il più possibile le pietanze tipiche del luogo e bacchetto severamente chi non lo fa.

Siccome la moda e le tendenze hanno introdotto una ventata di Corea del Sud nel nostro quotidiano, vi invito a visitare questo Paese caleidoscopico e divertente, variegato e sorprendente in primo luogo a partire dal cibo.

KIMCHI:

Korean Kimchi
Korean Kimchi

il kimchi è uno dei piatti tipici, il quale vanta delle origini antichissime – si parla di addirittura tremila anni fa! – e arricchito nel tempo, grazie alle contaminazioni cinesi e occidentali.

Praticamente un pasto completo, è composto da foglie di cavolo cinese (fresche in estate, fatte fermentare in salamoia in inverno), verdure come ad esempio ravanelli, pasta di gamberetti salati, peperoncino piccante, talvolta acciughe, zenzero, aglioscalogno o cipollotto fresco. Il bello è che è un piatto estremamente gustoso e salutare, ottimo anche per chi sta attento alla linea in quanto contiene pochissime calorie!

Una nota sul motivo perché questo piatto è così importante: per la sua preparazione è impiegata una tecnica chiamata gimjang, inserita a pieno diritto nella lista dei patrimoni intangibili dell’umanità dall’UNESCO!

BIBIMBAP:

Bibimbap formato famiglia!
Bibimbap formato famiglia!

divertentissimo anche da pronunciare – oltre che un piacere per gli occhi – il bibimbap (letteralmente “riso mescolato”) è un piattone a prova di bomba che contiene verdure, uova e carne di manzo (o pollo). Non può mancare ovviamente il riso e l’immancabile punta di piccante che in Corea è quasi un must: la salsa di peperoncino. A piacere anche olio di semi di sesamo.

Si serve tradizionalmente nel dolsot, una ciotola di pietra calda. Qui gli ingredienti vengono cotti e mescolati, per un risultato davvero gustoso!

Molti suggeriscono sia proprio il bibimbap il piatto rappresentativo della cucina coreana. Come abbiamo già detto, cromaticamente è uno spettacolo, perché ogni tonalità è associata ad un nutriente preciso, per un risultato davvero vario e salutare!

BUNGEOPPANG:

Bungeoppang... gnam!
Bungeoppang… gnam!

io ho un debole per l’estro orientale e adoro il fatto che i corani siano fuori come un balcone, tanto dall’andare letteralmente pazzi per un dolce tipico a forma di una carpa.

Non potevo che concludere con un prodotto dolciario, no? Questi simpatici pescetti si chiamano bungeoppang – più facile a indicarsi sul banco di un chiosco, che a dirsi! – e la traduzione letterale di questa stramba parola è appunto “carpa carassio dolce”.

Si prepara per mezzo di una piastra simile a quella per i waffles, mentre il pesciolino è farcito principalmente con pasta di fagioli rossi. Il che ci ricorda un po’ i dolci nipponici. Non è un caso, visto che è il bungeoppang è stato introdotto qui proprio dai giapponesi all’inizio del 1900.

Si tratta di un dolcetto molto divertente da gustare soprattutto camminando, dal momento che è il prodotto di punta dei chioschi di street food!

Insomma: cucina coreana… saranghae (ti amo)!

Shares
Laura Maisano

Laura Maisano

Spericolata viaggiatrice, prima che agente di viaggio. Maggiolina, occhi blu. Capricciosa, amante del vino, creativa ed entusiasta di tutto. Per lei se un viaggio non è un'avventura, allora non vale la pena partire. laura.maisano@myboardingpass.it

Lascia un commento