Capatina a Glasgow? Yes, grazie! 1/2

glasgow
Shares

First of all: diffidate da coloro che vi raccontano che Edimburgo è più bella, che a Glasgow snobbano gli italiani, eccetera. Prima di continuare a leggere, vorrei consigliarvi di lasciar cadere tutti i vostri preconcetti – se ne avete – e di non partire affatto prevenuti. Il motivo principale è che se si cominciano a fare paragoni non ci si gode per nulla nessun tipo di viaggio e poi è davvero da sciocchi accostare una città come Edimburgo e una come Glasgow: sono due facce di una stessa moneta, non staranno mai in piedi insieme e quindi fare paragoni è davvero inutile, oltre che controproducente.

Vi dico “Yes, grazie” quando vi descrivo Glasgow, perché – lo noterete anche da voi – qui c’è un forte culto dell’italiano. O meglio, diverse sono le pizzerie e i ristoranti ispirati al Bel Paese, così come le wine houses con listini prezzi comprendenti per la maggior parte vini nostrani. Questo è dovuto al fatto che sul finire del secolo scorso diverse famiglie si sono trasferite là e persistono al giorno d’oggi le seconde – addirittura terze – generazioni che mandano avanti le attività dei padri. Curioso, no?

altar of the dead cat
Altar of the dead cat

Cosa non perdere assolutamente: il GoMa. Non importa se non siete amanti dell’arte moderna, Glasgow è votata a questa corrente ed è un must una capatina alla Gallery of Modern Arts. Si tratta della più importante galleria d’arte contemporanea di tutta la Scozia e ospita opere di celebri artisti quali Andy Wharol. Non siete ancora convinti? L’ingresso è gratuito!

Volevo segnalare in merito una creazione controversa nella collezione permanente, ovvero l’Altar to a Dead Cat di Niki de Saint Phalle. Certo, è un po’ macabra, ma davvero originale la sua opera: l’artista ha praticamente appeso a un altare delle rappresentazioni di ciò che le è accaduto nella vita, compresa la metafora della sua educazione strettamente cattolica e gli abusi del padre. Ha poi riempito un fucile di vernice e… boom: ha sparato. Il risultato è davvero bizzarro!

merchant city
Ingresso a Merchant City

Non perdetevi assolutamente un giretto a Merchant City, praticamente il centro di Glasgow, dove un tempo si concentravano magazzini e case, mentre oggi qui troviamo la maggior parte dei caffè alla moda e negozi e negozietti per uno shopping sfrenato.

Se vi spostate verso l’East End coglierete l’anima popolana della città. Qui troverete il People’s Palace e la bellissima Cattedrale medievale, adiacente a un classico ed affascinante cimitero tipicamente vittoriano. Se ci capitate di sabato o domenica, non dimenticare di fare una capatina al mercato di Barras, uno spettacolo assolutamente tipico!

Continua a leggere la puntata 2 per scoprire cosa ho mangiato, le curiosità e il colpo di fulmine da non perdere!

Shares
Laura Maisano

Laura Maisano

Spericolata viaggiatrice, prima che agente di viaggio. Maggiolina, occhi blu. Capricciosa, amante del vino, creativa ed entusiasta di tutto. Per lei se un viaggio non è un'avventura, allora non vale la pena partire. laura.maisano@myboardingpass.it