AFRICA, SALVANDO LA NATURA… incontriamo l’esperto!!!

11755169_10155799462855363_4984682619596555598_n

E’ lì, chiuso nel cassetto, il mio sogno… da anni… e prima o poi… NAMIBIA SARA’!!!

Come sempre però, prima di arrivare ad inserire una destinazione nella mia top list, studio, leggo, cerco  informazioni, domando, insomma… voglio saperne una più del diavolo!!!

E anche stavolta la curiosità l’ha fatta da padrona, così ho alzato il telefono e mi son fatta raccontare qualcosa da chi in Namibia ci vive 8 mesi l’anno. E’ sempre lui, Gianmarco Camaioni, avete letto di lui in un’intervista riguardante il Circolo Polare Artico e le Aurore Boreali. Ebbene sì, vive 8 mesi al caldo e i restanti tra Torino, sua città natale, e il Grande Nord.

Gianmarco in "ufficio"
Gianmarco in “ufficio”

Stavolta non parliamo però della destinazione in sè, di cui vi parleremo più avanti (MyBoardingPass ha in programma entro il 2018 un viaggio Overland in Namibia), bensì di un progetto che a Gianmarco sta particolarmente a cuore: il progetto AIEA – Associazione Italiana Esperti Africa.

Gianmarco, cos’è AIEA e com’è nata?

L’Associazione Italiana Esperti d’Africa nasce dall’incontro di un gruppo di amici accomunati dall’amore per l’Africa. Fra di noi spiccano guide, scrittori, esperti di turismo, giornalisti, biologi, fotografi, registi, e viaggiatori per passione e di professione.

Questo nostro interesse ci ha portato a condividere le esperienze che sono alla base di questo nostro progetto. L’Africa è il filo conduttore di quest’associazione e l’avventura ne è il giusto completamento.

Quali sono gli obiettivi di AIEA in Africa?

L’Africa è un continente affascinante e di infinite bellezze. Da anni i suoi paesi sono diventati luoghi ideali per vacanze culturali, naturali e di safari. Inutile sottolineare che il turismo è una risorsa fondamentale per l’economia e per lo sviluppo sociale di molti paesi; inutile sottolineare che il turismo poco consapevole potrebbe diventare più dannoso di una carestia.

E’ quanto mai noto che il turismo che si è sviluppato sulle coste del Kenya abbia creato molto interesse e benessere, soprattutto nelle sfere politiche del paese. Ma ha anche trasformato un paradiso terrestre in un luogo fortemente e densamente popolato e sfruttato.
Lo scopo di questa associazione, proprio perché siamo esperti d’Africa, è quello di offrire una consulenza alle persone interessate a conoscere il Continente Nero. Gli esperti che collaborano a questo progetto hanno un legame davvero importante e concreto con l’Africa, chi per passione, chi per lavoro, chi per nascita.
Vorremmo condividere con voi il nostro mondo e rendervelo un po’ più facile da capire e soprattutto da amare, poiché solo chi rispetta un paese lo ama realmente. Siamo a vostra disposizione per parlare insieme di viaggi, di avventure, di esperienze e di tutte le particolarità che volete approfondire o semplicemente conoscere dell’Africa, del suo territorio, dei suoi popoli e culture, dei suoi incredibili animali e di tutte le sue innumerevoli particolarità.
Saremo in qualche modo le vostre guide, e fra noi ce ne sono molte, i vostri ranger e i vostri compagni di viaggio.

 Il progetto è legato quindi all’eco-sostenibilità del territorio?

 Il turismo eco-sostenibile è un elemento pregnante della nostra associazione che ha fondamentalmente 3 grandi scopi:
  1. Promuovere e divulgare informazioni sull’Africa.
    Per aiutare i viaggiatori nella scelta consapevole, per guidare chi desidera conoscere un paese nella scelta degli itinerari, dei tour operator specializzati, delle strutture più adatte e dei percorsi più avvincenti.
  2. Creare dialogo fra le associazioni.
    Diventare punto di incontro e collaborazione tra le associazioni culturali italiane e quelle africane. Nell’ottica di rendere trasparenti, chiari e reali gli aiuti che le tante associazioni italiane devolvono verso quelle africane.
  3. Informare e formare. 
    Che tu sia un viaggiatore, un’associazione culturale, un agente di viaggio o un professionista e necessiti di informazioni, noi siamo a tua disposizione. La nostra associazione vanta nomi importanti di guide professioniste, scrittori affermati, esperti di turismo, rappresentanti di strutture tutti uniti sotto un solo sigillo: quello della professionalità. Molti enti del turismo ci hanno dato l’autorizzazione a formare ed informare per loro conto e teniamo corsi di formazione per accompagnatori certificati dalla nostra associazione.

Parallelamente ed unitamente ad AIEA viaggia poi il progetto ANTI-BRACCONAGGIO, giusto? Raccontaci qualcosa…

Esattamente. Una delle nostre mission infatti è bloccare – o quantomeno rallentare – il processo di estinzione di uno dei cosiddetti BIG FIVE: il rinoceronte. Ecco perchè parliamo di ALLARME RINOCERONTI.

12079046_10156030610195363_2292811042716431105_n

In Africa esistono 2 specie di rinoceronti: quello bianco e quello nero.

L’habitat, il dimorfismo e altre caratteristiche differenziano le due specie, ma non voglio tediarvi con questi dettagli etologici (se volete potete dilettarvi con i quaderni dell’esploratore, o con il libro sugli animali “Animali d’Africa e Storie Bestiali” di D.Bomben – presidente di AIEA).
Quello di cui mi preme parlarvi, invece, è la condizione di serio rischio di estinzione di cui soffre il rinoceronte nel continente africano. Nel 1970 la popolazione totale di rinoceronti ammontava a 70.000 esemplari. Nel 2012 si parla di appena 25.000, fra bianchi e neri.
Questo è dovuto all’aumento esponenziale del fenomeno del bracconaggio, vera piaga delle risorse faunistiche dei paesi africani. Il corno del rinoceronte è fatto di tessuto cheratinizzato (simile alle nostre unghie), difficile da lavorare e per nulla estetico. In Yemen il corno viene usato come impugnatura dei pugnali da cerimonia ed in oriente come afrodisiaco naturale.
A causa dell’incredibile richiesta di corna, oggi ogni chilo di corno ha un valore pari a 60.000 dollari americani (ben più del valore dell’oro) e molti personaggi sono interessati al mercato nero di questo bene di lusso

L’INTERPOL ha stimato che dopo il traffico di armi e quello di droga, il mercato degli animali e delle loro parti è il terzo più redditizio del mondo illegale, un vero e proprio business che, a differenza dei primi due, nessuno conosce e che in pochi cercano di arrestare perché definito “meno importante”.

la prima RHINO MISSION con AIEA
la prima RHINO MISSION con AIEA
Questo e molti altri sono i motivi per cui tra le attività di AIEA c’è anche il progetto “adotta un rhino”. Entrando nel sito www.espertiafrica.it è possibile effettuare una donazione per l’adozione di un rinoceronte. I soldi raccolti vengono destinati alle Riserve con cui collaboriamo, per sostenere i tanti progetti: lo studio di metodologie e sistemi per la protezione dei rinoceronti, il compenso e formazione di rangers per il pattugliamento nei parchi nazionali, il monitoraggio dei rinoceronti per contrastare il bracconaggio.
Che dire, anche stavolta, mio cassettino si richiude – sempre più colmo di infomazioni – e un pò alla volta sarà talmente pieno che l’unica soluzione sarà… un biglietto aereo per Windhoek, quel bellissimo sogno che prima o poi diventerà realtà anche per me!!!

Grazie Gianmarco per la tua disponibilità!!!

A voi invece, cari lettori, l’appuntamento è a presto… stiamo lavorando a un viaggio in Namibia “very special”… STAY TUNED :-)))

[Marika]

 

 

Marika Brusco

Marika Brusco

Agente di viaggio da 10 anni. Ama la musica, la lettura, la fotografia e tutto ciò che caratterizza la curiosità.  Curosità quale elemento essenziale per l'animo di un viaggiatore.  Nei viaggi è un ossimoro vivente: ama il caldo e il freddo, la montagna e il mare, il b&b e il resort di lusso, il tour guidato e il fly&drive... insomma, l'importante è avere la valigia sempre pronta, vuota, da riempire di emozioni!! marika.brusco@myboardingpass.it